#Provato Blade Assault: Uno splendido Roguelike sparatutto

abbiamo giocato alla beta di blade assault!
e come dicevamo è un roguelite uscito da pochi giorni su steam


Scheda del gioco

piattaforma: PC, PS4 e 5, Switch
tipo di gioco: roguelite
sviluppatori: team suneat
publisher: neowiz
data di uscita: 19/01/2022


 

blade assault è un gioco che noi abbiamo provato in versione beta e a onor del vero senza arrivare fino alla fine. Il che significa che ho potuto giocare solo con uno dei personaggi, Kil, e che non sono arrivato a combattere assieme ad alleati.

Il gioco

È un gioco roguelite, il che significa che a ogni morte dovremo ricominciare tutto il percorso per arrivare alla fine. E con il suo scorrimento in orizzontale sembra proprio un gioco arcade, in cui dobbiamo sconfiggere ondate di nemici per ogni livello per arrivare al boss ogni tre livelli completati. In ogni livello troveremo uno o due scrigni con potenziamenti standard, pagando un obolo per il drop. In ogni livello c’è un’ultima ondata più impegnativa e verremo ricompensati da un potenziamento del core.

ovviamente tutti i potenziamento son casuali, sia quelli standard, che possono essere miglioramenti alla resistenza, alle probabilità di colpo critico o alla velocità di attacco, sia i potenziamenti del core o della vita. Questi tipicamente sono più potenti e sostanziosi, migliorano le nostre armi dandogli proprietà elementali, oppure aumentano la nostra vita, o la nostra energia, o ci guariscono.

Sviluppo della partita

personalmente ho giocato quattro/cinque ore in tutto e sono arrivato a sfidare (senza sconfiggere) il quarto boss, su sette. L’impressione generale è di un gioco molto equilibrato, dove sia la progressione personale sulla curva di apprendimento, sia la sviluppo della difficoltà e dei potenziamenti all’interno della partita, sono ben bilanciati.

Ossia, il primo tentativo è facile che ci veda morire, dovendo vedere i nuovi nemici come si comportano e quale sia il modo migliore per sconfiggerli, soprattutto poi man mano che si va avanti e le cose si complicano. Ma anche man mano che collezioniamo potenziamenti ci troviamo ad essere molto migliori da un lato, rischiando di esserlo molto meno da un altro: per esempio è facile potenziare molto l’arma principale (una spada, una scure o un fucile) oppure quella secondaria, rimanendo però con poca vita e poca difesa.

Mi è successo anche il contrario, cioé di ritrovarmi con molta vita e capace di assorbire molti danni, dovendo però affrontare battaglie più lunghe perché infliggevo molto meno danni. I potenziamenti sono molti e vari, anche bonus velocità, o crediti per la partita per migliorare le statistiche in generale oppure guarirsi dopo aver sconfitto un boss.

https://i0.wp.com/www.gamerfocus.co/wp-content/uploads/2022/01/blade_assault_resena_critica_analisis_1.jpg?w=1480&ssl=1
il secondo boss delle nostre partite

oltre la singola partita

Un altro lato pienamente roguelite è l’albero delle abilità che si può ampliare con particolari valute trovate facendo le varie partite che permettono di migliorare le caratteristiche di base oppure l’arma di base. In questo modo ogni partita ci dà la possibilità di migliorare leggermente il nostro personaggio, il che ci permette di tornare più in fretta al punto in cui siamo morti e, si spera, di superarlo.

Insomma, mi son trovato davanti un gioco che, ancora in beta, mi si presentava come completo, vario ed equilibrato: ogni partita è diversa, per l’enorme varietà di potenziamenti trovabili. Anche i livelli fisicamente son leggermente diversi di volta in volta, anche se dopo un po’ si ripetono.

durata di una partita

Un vero lato negativo di questo gioco che ho trovato è la lunghezza della partita. Forse giocandoci migliorerò. Forse anche solo sbloccando ulteriormente altre abilità la durata non sarà così imponente. In ogni caso finora non son riuscito a sconfiggere il terzo boss in meno di 30-40 minuti, per cui preparatevi a lunghe partite. Il che non è di per sé un male, il gioco è ben fatto e se vi piace il genere vi intratterrà davvero. Però siete avvertiti. Sarà molto difficile infilare una partita in mezz’ora di tempo libero; oppure anche dire “un’ultima run” può essere pericoloso e rischiate come me di trovarvi ad andare a dormire davvero tardi.

https://www.pcinvasion.com/wp-content/uploads/2021/06/Blade-Assault-worth-it-3.jpg
screen di uno dei primi livelli di una partita

Direzione artistica

non c’è molto altro da dire: la direzione artistica funziona. Anche se in alcuni casi, con molti nemici, non ci si capisce eccessivamente, la grafica funziona e molto. Con un’estetica e una pixel art veramente piacevole, il design di alcuni nemici è semplice e sembra richiamare proprio i giochi da cabinato dello scorso secolo, ma è soprattutto nel design del nostro personaggio e delle sue abilità, nella città di partenza e negli hub intermedi che la grafica mi è piaciuta in maniera particolare. Colorata ed efficace, molto cyberpunk, scura e dalle luci con i colori al neon.

Conclusioni

blade assault è un buon gioco, equilibrato e ben realizzato, con un’estetica piacevole. Se vi è piaciuto Metal Slug, oppure the Binding of Isaac o in generale vi ispirano i roguelike, questo è un buon gioco, che vi può senza dubbio dare buone ore di intrattenimento. Ma non serve essere impallinati di questo genere per apprezzare blade assault, perché un buon gioco, fatto bene, può catturare chiunque, anche solo chi sta cercando qualcosa di nuovo da provare.

Gokhlayeh
Gokhlayehhttps://press-start.xyz
ingegnere appassionato di videogiochi e di cinema. qualità su quantità. Innamorato da sempre della PC master race, ma qualche incursione in casa Sony

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Altri articoli