#Provato F1 22: Di Nuovo… in Pista!

Abbiamo provato F1 22, di nuovo! È sviluppato da Codemasters ed è in uscita il 28 giugno 2022!


Scheda del gioco

piattaforma: PC, PS4 e PS5, Xbox One, Xbox Series X/S
tipo di gioco: corse, emulazione
sviluppatori: Codemaster
editori: EA sports


Abbiamo provato le nuove funzioni: nel gioco ancora in sviluppo di codemaster e distribuito da ea sports sono state aggiunte le modalità di carriera in F1, dieci supercar e la F2.

E dobbiamo dirlo: è già un altro gioco, con una complessità ancora più profonda. Già prima il livello emulazione raggiunto era alto, adesso ancora di più.

Il campionato 

Prima trovavamo le possibilità di giocare secondo il regolamento ufficiale, con bandiera, strategie di rientro ai box, scelta delle gomme e tutto il necessario. Insomma, potevamo emulare un gran premio dall’inizio alla fine.

Adesso invece possiamo effettivamente emulare l’intero campionato. Ad esempio, nelle prove libere c’è la possibilità di raggiungere determinati obiettivi che permettono poi di sviluppare e migliorare la nostra monoposto. Quindi, man mano che il campionato procede i nostri concorrenti migliorano le prestazioni. Anche noi quindi dovremo migliorarle e per farlo siamo spinti a correre le prove libere, che permettono di avere una modalità “veloce” in modo da raggiungere qualcuno degli obiettivi con i premi dei quali poi migliorare l’auto, ma correre in prima persona permette ovviamente di poterne raggiungere molti di più.

F1 22
F1 22

Giocabilità e validità

Il migliorare le auto è una meccanica che veramente ho trovato interessante che permette grandi sfide anche con le scuderie meno performanti, che quindi non presenteranno sempre e comunque un handicap incolmabile, ma possono essere competitive, pur portando magari una sfida maggiore.

Il nostro personaggio

Non è l’unica novità, è possibile creare un proprio personaggio, con il proprio paese di provenienza, il proprio logo, casco e anche personalizzando l’estetica della propria macchina. In queste funzionalità non mi ci sono dilungato, essendo molto più interessato a entrare nel vivo del gioco, ma con un po’ più di tempo a disposizione dev’essere una bella soddisfazione questo tocco di “gioco di ruolo”.

Ancora di più perché è ben integrata nella modalità carriera, permettendo di decidere anche le strategie di scuderia, controllando alla bisogna l’usura del motore e delle sue parti, dei treni di gomme, ma cercando di conservarle buone per tutta la durata del campionato.

F1 22
F1 22

Supercar e altre modalità di corsa

Altre novità che ho provato sono le supercar. Con queste è possibile correre delle sfide particolari, ma soprattutto sono integrate nella modalità campionato. Sono sfide relativamente semplici ma molto interessanti, anche solo perché permettono di “staccare” e variare modo di corsa rispetto alla normale Formula1. Di più permettono di ottenere anche loro delle ricompense utili allo sviluppo dell’auto.

Insomma, per quanto non me l’aspettassi F1 22 è un emulatore che mi ha stimolato molto. Mi son trovato a cercare di capire sempre di più man mano che andavo avanti a giocare. Cercavo di capire come poter fare per vincere e migliorare io per primo, ma anche come migliorare la mia auto e la mia squadra. Cercavo di capire come poter migliorare per poter alzare ancora e ancora la difficoltà.

Come giocarlo al meglio

Purtroppo non sono riuscito ad aumentarla troppo. Il più grosso limite di questo titolo è che è vissuto veramente a metà con joystick o tastiera. Io faccio un po’ sempre il paragone con i dark souls che sono i giochi che mi hanno cambiato radicalmente l’approccio ai videogiochi: i titoli fromsoftware sono stati sviluppati per essere giocati con un joystick. Viverli con la tastiera è possibile ma una sfida ulteriore.

Allo stesso modo il titolo di F1 è un titolo pensato e sviluppato per volante e pedali. È infatti sempre più necessario, aumentando la difficoltà dosare acceleratore e freno e la sensibilità alle curve. Tutte cose che con un manettino son sfide titaniche. Infatti l’acceleratore è sulla levetta RT (o R2) e il freno dall’altra parte in LT (o L2) che sono pulsanti, per cui semplicemente “premuti” o “non premuti” sono gli input che passano, mentre un pedale dell’acceleratore ha una serie di sensibilità che vengono molto sfruttate in una corsa e che quindi, a livelli di emulazione più realistici (cioè a difficoltà più elevate) iniziano a essere necessarie per poter tenere il ritmo degli avversari.

F1 22
F1 22

qualche fastidio

Un altro lato negativo sembra la gestione EA. Avendo un titolo su steam molto, molto spesso, compare un pop up che chiede di collegare l’account origin. Che insomma, è poco utile di per sé, ma diventa estremamente fastidioso chiesto così spesso. E per di più nel mio caso non esiste un account origin di “press start” quindi fisicamente non potevo. Una persona normale penso che per disperazione cederebbe a un certo punto.

Quindi sembra proprio che per poter giocare a F1 22 sia necessario un set di strumenti particolari, per poterci giocare adeguatamente. Allo stesso tempo però, anche se non avete intenzione di acquistare tutto questo, è un gioco che sembra sempre più completo ed entusiasmante che vi potrà regalare ore e ore di divertimento.

Gokhlayeh
Gokhlayehhttps://press-start.xyz
ingegnere appassionato di videogiochi e di cinema. qualità su quantità. Innamorato da sempre della PC master race, ma qualche incursione in casa Sony

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Altri articoli