#Recensione Lego Star Wars: La Saga degli Skywalker

Negli ultimi giorni ho avuto il piacere di provare il nuovissimo titolo della saga Lego Star Wars, ovvero La Saga Degli Skywalker ma non perdiamo tempo e partiamo!


Scheda del gioco

Piattaforme: Nintendo Switch, PlayStation 4/5, Xbox One, Xbox Series X/S, PC
Tipo di gioco: Azione, Avventura Dinamica
Casa produttrice: TT Games, Traveller’s Tales Publisher: Warner Games
Uscita: 2022


Che la Forza sia con noi!

Per iniziare questa recensione voglio parlarvi come prima cosa della struttura di questo titolo che a mio parere è la sua “particolarità migliore”, il gioco infatti comprende interamente la storia della saga cinematografica dividendosi in nove capitoli. Ogni capitolo ricalca al 100% la storia del rispettivo film rendendo il titolo un vero e proprio film interattivo. All’interno degli episodi ovviamente la storia è proposta in un modo più riassuntivo riprendendo le parti chiave del film. Non sono mancati durante la mia esperienza anche momenti comici ormai soliti nei videogiochi della saga Lego.

Una cosa che mi è veramente piaciuta è stata l’aggiunta del classico titolo: “tanto tempo fa in una galassia lontana, lontana” con annesso il gigantesco testo introduttivo non solo all’inizio di ogni capitolo – come nel film – ma anche quando i dati di salvataggio vengono caricati dopo aver chiuso il gioco, mostrando al disotto del titolo dell’episodio: “La Storia fin ora”, in modo da rinfrescare la memoria a chi dopo deve giocare.

Anche il menu di gioco è stato realizzato in maniera sublime presentandosi a noi con una piccola cut scene nella quale dopo il: “Ho bisogno che qualcuno mi aiuti a trovare il mio ruolo in tutto questo” detto da Rey, compaiono tutti i personaggi che incontreremo durante i 9 episodi che tra loro parlano, combattono e usano i loro poteri rendendo il tutto molto interattivo e bello da vedere.

Ambienti, curati al massimo

Andiamo adesso a parlare di ambientazione, i luoghi riportati sono assolutamente identici a quelli della saga cinematografica, ovviamente reinterpretati in chiave Lego. TT Games continua a non deludere con il suo perfetto “saper mescolare” modelli realizzati con mattoncini Lego e texture poligonali tridimensionali, cosa che io ho sempre adorato e visto evolvere fin dai primi giochi Lego arrivando alla sua massima estensione in “Lego City Undercover” che a mio parere rimane ancora oggi – a distanza di nove anni – la migliore opera di TT Games.

Viaggiando tra i pianeti come Naboo oppure attraverso la capitale sarà inoltre possibile interagire con una miriade di personaggi che, molte volte, possono fornirci alcune missioni secondarie che possono essere tracciate anche al di sopra della missione principale la quale riprenderà subito dopo il suo corso. Sono anche disponibili, sparsi per le varie aree di gioco, oggetti mobili oppure mattoncini sfusi che possono essere costruiti o spostati per poter sbloccare oggetti collezionabili.

È inoltre inutile ricordare che nei giochi Lego tutto quello che è fatto di mattoncini il più delle volte è completamente distruttibile, se infatti rompiamo un’oggetto con la nostra Spada Laser oppure a pugni saremo lautamente ricompensati con alcuni mattoncini in stile “Bottone” che, da sempre, fungono da valuta per i giochi della serie.

La componente vincente dell’Esplorazione

Sicuramente ciò che più ha caratterizzato i titoli della saga Lego fin da sempre è la componente dell’esplorazione ed anche questo episodio della serie di Star Wars non fa a meno di farti perdere la strada – anche involontariamente – della missione per conquistare quel personaggio oppure quel kybermattoncino nascosto.

In tutti i livelli e aree di gioco sono presenti vari oggetti che vanno dai semplici Kybermattoncini ovvero dei luminescenti mattoncini lego 2×2, ai personaggi per finire nei Minikit. Adesso vi starete chiedendo: “come faccio a ricordarmi dove trovare tutte queste cose?”. La risposta è: Semplice! Tramite il tuo fantastico Oloproiettore che una volta aperto mostrerà a schermo un sacco di informazioni come la mappa, i personaggi assieme anche alla loro descrizione e storia, le varie navi stellari sbloccate, l’albero dei potenziamenti oggetto fondamentale per i nostri personaggi, le missioni ed infine gli Extra. Sarà anche possibile chiedere aiuto al droide A1-UTO che accompagnerà anche i caricamenti con i suoi utili consigli.

Ma andiamo a definire meglio i vari collezionabili. Dunque, come ho detto in precedenza, in ogni area di gioco e livelli sono presenti alcuni oggetti particolari come i Minikit, che cosa sono? Non sono altro che dei piccoli oggetti fluttuanti che, una volta raccolti tutti sbloccheranno le bellissime navi-micro realizzate in pieno stile della collezione di set Lego: Microfighters.

Inoltre per ogni livello sarà presente una barra in alto allo schermo formata da tre sezioni che aumenterà progressivamente con la raccolta dei gettoni (i mattoncini a “bottone” dorati o argentati). Una volta che le sezioni vengono interamente riempite si otterrà l’onoreficenza di Vero Jedi con il premio di 3 KyberMattoncini.

recensione lego star wars la saga degli skywalker

Le Navi ed il Combattimento Aereo

Parlando di Navi spaziali, sono rimasto veramente colpito dal grandissimo assortimento che il gioco propone, legando anche il numero di navi al fattore del “collezionismo” grazie alla presenza dei Minikit. Le navi spaziali sono veramente ben realizzate e offrono dei dettagli veramente ottimi, seppur formate da mattoncini. Le navi sono selezionabili nei vari porti spaziali grazie ad un piccolo monitor che ci farà scegliere la nave desiderata.

I nostri “Vascelli Spaziali” vengono anche utilizzati durante i vari caricamenti, altro punto di grandissima forza per questo titolo. Durante i caricamenti infatti sarà possibile visualizzare gli ologrammi di alcune navi con la rispettiva descrizione dettagliata che ne indica tutti i parametri come: la velocità, la grandezza, il peso ecc…

Un’altro esempio di caricamento molto interessante ed interattivo che comprende interamente l’utilizzo dei nostri vascelli spaziali può essere trovato nelle fasi di Atterraggio oppure durante i vari viaggi attraverso l’iperspazio, dove è possibile muovere la nostra navicella mentre il gioco carica.

Andando invece a concentrarci sul combattimento aereo, ho notato durante le mie fasi di gioco l’aggiunta di una potentissima automira che, anche quando la nave nemica non è nel mirino, colpisce in pieno. Non sono mancati ovviamente i classici Quick Time Events (QTE) che da sempre dominano i giochi di casa TT Games e Lego che ci aiuteranno in questo caso a schivare missili oppure ad eseguire rapidissimi tonneau.

Il Combattimento “Terreno”

Se prima vi ho parlato del combattimento Aereo adesso mi sembra doveroso parlarvi di come si svolgono le fasi di scontro via terra. Tutto come da film si svolge tramite l’ausilio della nostra ormai fidatissima Spada Laser che, con varie combo potrà rivelarsi fatale per il nostro avversario. Sarà possibile infatti lanciare la nostra arma laser a distanza grazie ad un apposito mirino che si attiva grazie alla pressione del trigger sinistro.

Oltre al lancio della spada laser se – tenendo premuto il grilletto sinistro – ci avviciniamo al nostro avversario, sarà possibile avviare l’attacco automatico, dove dei quick time events ci faranno parare gli attacchi e colpire il nemico.

Anche le spade laser, come le navi, hanno un grande fascino, le animazioni infatti sono realizzate in maniera più che ottima, gli sviluppatori hanno fatto anche un buonissimo lavoro nell’implementare la riproduzione dei suoni provenienti dal raggio laser, che subentrano anche quando muoviamo la visuale.

recensione lego star wars la saga degli skywalker

Dal lato Tecnico

Dopo aver descritto tutto l’aspetto “giocabile” del titolo è arrivato il momento di soffermarsi anche su alcuni tecnicismi partendo innanzitutto dalla grafica, che devo dire mi ha soddisfatto pienamente. Ho notato un grandissimo miglioramento dai precedenti titoli, anche a seguito della nuova veste grafica per la HUD, meno piatta e più dinamica. Le luci e le ombre sono gestite in maniera ottima come molte delle parti metalliche delle navi che brillano e risplendono in maniera strabiliante.

Andando invece ad analizzare il sonoro, ancora, niente da dire! Gli sviluppatori sono riusciti a creare un comparto sonoro impeccabile, a livello di colonne sonore, effetti sonori e musica di sottofondo. Anche il doppiaggio è ottimo soprattutto grazie al “riciclaggio” di alcune parti di dialogo provenienti direttamente dai film ed anche attraverso molti dei doppiatori originali che hanno ancora una volta prestato la loro voce per questa incredibile saga.

Concludendo,

L’ultima fatica di TT Games a parer mio è degna di encomio. Dopo alcuni titoli dal poco successo come il precedente Lego Star Wars: Il risveglio della Forza ed una nicchia di titoli quali quelli della serie Lego piena zeppa di idee già sfruttate, TT Games ha veramente fatto capire quanto vale, creando un titolo Lego come mai visto prima, vivace, bello, comico e divertente. Potrei ancora dirvi un sacco di cose su questo incredibile gioco ma vi lascio con questa parola: giocatelo, perché non ve ne pentirete affatto.

PRO

  • Il più ampio titolo della serie
  • Navi spaziali, Ambienti e Grafica curatissimi
  • A livello di collezionabili è impressionante

CONTRO

  • Alcuni glitch grafici non molto ricorrenti
  • Automira abbastanza fastidiosa
  • Meccaniche fin troppo semplici

RASSEGNA PANORAMICA

Lego Star Wars: La Saga Degli Skywalker è bello, divertente, affascinante, appassionante e chi più ne ha più ne metta! L'ultima opera di Tt Games è assolutamente una, se non la migliore tra le uscite a tema Lego negli ultimi anni e sicuramente non saprà deludere nessuno, neanche i più scettici. (Versione Testata: Xbox One)

VALUTAZIONI

Meccaniche di gioco
9.0
Grafica
9.0
Effetti sonori/Musica
8.5
Storyline
9.5
Borededdy
Borededdyhttps://press-start.xyz
Capo redattore e Capitano di questa bagnarola! appassionato di informatica, web developing e videogiochi porta avanti questo hobby scrivendo in: News, Recensioni, Switch, Xbox

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ALTRI ARTICOLI

SPONSOR

Lego Star Wars: La Saga Degli Skywalker è bello, divertente, affascinante, appassionante e chi più ne ha più ne metta! L'ultima opera di Tt Games è assolutamente una, se non la migliore tra le uscite a tema Lego negli ultimi anni e sicuramente non saprà deludere nessuno, neanche i più scettici. (Versione Testata: Xbox One)#Recensione Lego Star Wars: La Saga degli Skywalker